Itinerario 2. Terre alte alpine. Fra abbandono e ritorno

Edolo, Tirano, Milano, Paraloup (Cn), Ivrea, Val di Susa – 2/3/4/5 giugno 2017

La Montagna da periferia a centro

Cambi di sguardo per comunità politiche

“Oggi le Alpi sono un
impasto di
innovazione
e tradizione, globale e locale, modernismo e nostalgia

nel cuore della vecchia Europa”. “Anche se si ferma alla disobbedienza e all’utopia senza costruire veri modelli di società, la voce arrabbiata della montagna filtra come goccia nella crepa del sistema, logorandolo con la spavalderia di chi vede il mondo dall’alto in giù e ha il privilegio di cogliere il pericolo per primo e urlarlo in legittima difesa, perché tutte le acque scendono dalla montagna.
Nessuna sale alla sorgente.”

Enrico Camanni, Alpi ribelli

Stiamo parlando del territorio alpino che va dalle Dolomiti alla Provenza. Una moltitudine di storie parallele che hanno accompagnato la vicenda dello sviluppo del nord ovest italiano lungo vallate ciascuna delle quali ha espresso vocazioni e attitudini che ne hanno segnato il territorio. Perché è il lavoro, nel bene e nel male, quello che ne ha scolpito l’ambiente come il temperamento delle persone, l’organizzazione del territorio e l’identità culturale e finanche religiosa, lo sviluppo dell’industria manifatturiera e le produzioni rurali, la presenza e l’abbandono… a segnare la Val Camonica e la Valtellina, Milano e il suo rapporto con la montagna, Paraloup e la provincia di Cuneo, la città di Ivrea e il Canavese e per finire la Val di Susa. Territori ricchi di storia, dove il rapporto con le città e la pianura ha subito condizionamenti in entrambe le direzioni. Ed oggi, conclusasi una storia fondata sui grandi insediamenti industriali, di nuovo in discussione. Le tematiche che saranno affrontate sono la macroregione europea e le terre alte, l’abbandono dei territori ma anche le scuole del ritorno, la valorizzazione delle antiche vocazioni e delle filiere.

Programma
2 giugno 2017
ore 10.30 – EDOLO, Università della Montagna
“Da periferia a centro. Le terre alte come luoghi del futuro”

Incontro
con Anna Giorgi, Università della Montagna
ore 15.30 – TIRANO, Cooperativa Il Gabbiano
“La montagna disincantata. Comunità resilienti, comunità innovative”
con
Aldo Bonomi e le persone impegnate nel welfare comunitario della Valtellina

3 giugno 2017
ore 12.00 – MILANO, Cascina Cuccagna, Via Ludovico Muratori
“La montagna e la città. Una storia di amore e odio”
Incontro con le realtà che si occupano delle tematiche relative al rapporto fra le città e la montagna

4 giugno 2017
ore 10.00 – PARALOUP
“I ritornanti. Storie di montagne capaci di ripensarsi”
Incontro con i sindaci e le comunità di valle organizzato e condotto da Marco Revelli

ore 17.30 – IVREA, Archivio Adriano Olivetti
“La Fabbrica lontana dalle fabbriche. Il rapporto tra luogo di produzione e territorio”
Incontro e dialogo promosso dal Sindaco di Ivrea, Carlo Della Pepa

ore 18.30 – IVREA
La grande invasione
Incontro e dialogo con il comitato organizzatore del festival cittadino dedicato all’arte e alla letteratura

5 giugno 2017
ore 10.00 – VAL DI SUSA
“Comunità che immaginano il proprio domani”

Incontri con i sindaci e le realtà del territorio condotti da Maurizio Dematteis

ore 14.30 visita al colle di Sestriere e ai suoi
modelli di sviluppo

Lascia un tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *